Itinerari


Itinerario 1. Giro ad anello Rifugio Antelao
Domenica 19 febbraio 2017

Da Pozzale di Cadore, appena sopra l’abitato si imbocca l’antica strada militare in sterrato che sale fino alla Cima Tranego (1900mt) poi si ridiscende verso Forcella Antracisa (1693mt) quindi si risale al Rifugio Antelao (1796mt). Dal Rifugio Antelao si sale al Monte Dionisio (1946mt) e si fa una doverosa sosta alla Chiesetta, edificio dedicato al santo protettore del Cadore, costruito e consacrato nel 1508. Il panorama da qui consente di vedere Pelmo, Antelao, Marmarole e Spalti di Toro. Dalla Chiesetta scende il sentiero n. 251 che riporta a forcella Antracisa e da lì si scende per Pra Piccolo fino a Pozzale.

_________________________________________________


Itinerario solitaria. Giro ad anello Rifugio Sennes
Sabato-Domenica 11-12 marzo 2017

Da Località Sant'Uberto (mt. 1450) situata al 111°km della Strada SS 51 Alemagna che da Cortina d'Ampezzo porta a Dobbiaco, si imbocca la strada forestale battuta che sale fino a Malga Ra Stua (mt. 1650), da qui proseguendo sempre lungo la stessa strada si giunge al Rifugio Sennes (mt. 2126). Per il ritorno si imbocca la strada che porta al Rifugio Fodara Vedla (mt.1980) e quindi per un bellissimo bosco si scende a Malga Ra Stua e poi a Sant'Uberto.
_________________________________________________


Itinerario 2. Passeggiata Parise
Sabato 22 Aprile 2017


Raggiunta la Biblioteca di Ponte di Piave (Uscita Autostrada A4 - San Donà Ponte di Piave) si visita la Casa di Goffredo Parise, ora adibita a Biblioteca Comunale. A piedi, attraversando un tratto del paese, e poi la strada alta sull'argine del Piave, ci si immerge nella campagna tra i vigneti fino a scorgere la casetta delle fate di Parise a Salgareda. Dopo aver visitato la casa si può raggiungere in 5 minuti l'alveo del Piave. Si ritorna per la stessa strada.

_________________________________________________

Itinerario 3. Passeggiata Zanzotto
Sabato 6 Maggio 2017





Dal Parcheggio del Cimitero di Arquà si sale al borgo Basso e quindi addentrandosi per la stradina principale in costante salita si raggiunge il Borgo Alto. Seguendo le indicazioni per la casa di Francesco Petrarca il cui ingresso si apre sulla destra, si prosegue lungo la strada in leggera discesa fino a trovare, deviando a sinistra, l'inizio di un sentiero che si inoltra in salita, con un dolce zig zag fino a sbucare su una strada sterrata caratterizzata dalla presenza di una distesa di rosmarini. Si prosegue sulla destra fino ad incrociare la strada che proviene dalla Val Pomaro; girando quindi a sinistra si risale tra i vigneti guadagnando il famoso Pianoro del Mottolone da dove si può godere di uno dei più bei panorami sui colli euganei. Si prosegue ancora per la stessa strada, ora in lieve discesa fino ad un bivio, si imbocca la Via Fontanelle sulla destra e la si percorre salendo ancora qualche centinaio di metri sotto una galleria di profumata vegetazione, si prosegue sempre nella stessa direzione, iniziando la discesa verso il borgo di Arquà, si incontra l'inizio del sentiero Atestino caratterizzato dalla presenza di un capitello e di una targa CAI e quindi il Bar Ventolone, la Piazzetta San Marco, da qui si scende verso il parcheggio.

Volendo allungare il percorso e renderlo più interessante e suggestivo, quasi alla fine della salita di Via Fontanelle si incontra, sulla sinistra il sentiero che ci porta ad intersecare il sentiero Atestino (n.3). 


_________________________________________________

Itinerario 4. Passeggiata Rigoni Stern
Domenica 4 giugno 2017




Si raggiunge con l'auto il paese di Gallio dopo Asiago e si prosegue in direzione Campo Mulo, da lì una strada molto dissestata porta a Piazzale Lozze dove inizia l'escursione. Dal Piazzale si imbocca il sentiero n. 839 in direzione Monte Chiesa e malga Pozze. Dopo una deviazione per il Monte Chiesa si prosegue per il monte Campigoletti e da lì si sale all'Ortigara. Si scende quindi per la Val Agnella e si raggiunge il Piazzale di partenza.



_________________________________________________

Itinerario 5. Passeggiata Dino Buzzati
Sabato 15 luglio 2017

Si raggiunge con l'auto l'abitato di Limana (BL) e si prosegue seguendo le indicazioni per Val Morel (Via Valpiana). Si parcheggia l'auto presso la Casa degli Alpini e si inizia a camminare scendendo la stessa strada fino ad arrivare al Capitello di Santa Rita. Si prosegue poi per piccolo sentiero laterale verso casa Nice. Sempre lungo la strada principale si fa una tappa al Tiglio di Buzzati (in realtà il vero tiglio si trova, isolato, poco distante, ma è stato abbattuto da un fulmine) e poi si ritorna indietro alla Casa degli Alpini.
Agli escursionisti più allenati si consiglia il sentiero Buzzati
http://www.magicoveneto.it/Belluno/Limana/Giaon-Limana-Sentiero-Buzzati-Madonna-Pare.htm


_________________________________________________

Itinerario Casa con l'Arco 

Martedì 25 luglio 2017 

Dall'abitato di Dolo (VE) si imbocca l'Argine del Serraglio fino all'incrocio con Via Molinella, strada proveniente da Cazzago che porta a Mira, si attraversa la via e si ritrova l'argine che porta all'incrocio con la strada del Taglio Mira-Mirano, si gira veso sinistra e dopo pochi metri si imbocca una strada sulla sinistra che porta indicazione: laghetto da pesca. Si percorre per circa 600 mt e appare agli occhi la Casa con l'Arco. Per il ritorno, si continua su Via Rezzonico fino ad una strada che piega a sinistra e subito a destra, la strada sale su un tratto di bretella che porta all'autostrada, si percorre questo tratto e si arriva in prossimità alla strada che corre parallela al Supermercato Lando o in alternativa a via Molinella. La si percorre tutta fino al Centro di Cazzago e si raggiunge Dolo per la ciclabile.

_________________________________________________


Pian dell'Orgionot - Estoul - Brusson (Val d'Aosta)
Festival "Il richiamo della foresta"
21-23 luglio 2017


Il Pian dell'Orgionot si raggiunge imboccando l'uscita dell'autostrada a Verres -Val d'Aosta e risalendo la Val d'Ayas, direzione Champoluc. In corrispondenza del paese di Brusson si trova una strada sulla destra che con discreta pendenza in circa un quarto d'ora sale all'abitato di Estoul. La strada finisce proprio sul Pian dell'Orgionot.